top of page
  • Writer's picturesebastianoarcoraci

Il Campo vasto è durato l'espace d'un matin. Gli errori di Conte.

Maledetto proporzionale , verrebbe da dire!

E' probabilmente legata a questo, infatti la ragione della rottura, seguita da uno scontro, tra PD e 5 Stelle, dai toni durissimi, conclusosi, anche sui media, con insulti reciproci ai massimi vertici.

E se Conte, finite le sberle, a scandali ancora aperti, sia a Bari che a Torino, dove son saltati tutti gli accordi del campo vasto, ( non ancora largo) chiede al PD di liberarsi dai cacicchi e capi bastone, la Schlein risponde che non accetta lezioni di moralità da nessuno ( riferendosi a Conte).

Il fatto è che Conte, semplicemente, voleva impadronirsi dell'intero schieramento progressista, auspicando la conquista sul campo della sua Leadership.

L'astuto Avvocato e Professore, neo populista, emulo del suo Maestro, Beppe Grillo, ispirati entrambi dal programma Politico del Movimento dell'Uomo Qualunque, fondato negli anni quaranta, dal giornalista Guglielmo Giannini, da quando è caduto il Governo Draghi, ha infatti, lavorato, dapprima "in solitaria" fuga, per recuperare i voti, in quel momento in discesa libera per i Grillini, e poi , lavorando ai fianchi il nuovo PD, emerso dalle primarie di coalizione, mediante il "supporto velato", fornito per la vittoria di Elly Schlein a Segretaria del Partito Democratico.

Sembrava dunque che il Conte avesse realizzato un vero e proprio capolavoro Politico.

Ma, come spesso accade in natura, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.

E si perché il Conte non aveva fatto i conti con la sua stessa ragion d'essere, il suo DNA, la sua stessa essenza, tutti gli elementi cioè, che han dato origine, in Italia, alla nascita, e ad un certo consenso elettorale, del Movimento 5 Stelle.

Ed infatti è stato più forte di lui commettere, come accade nel calcio, il tipico "fallo di reazione", agli scandali di Bari e Torino, compromettendo, io credo irrimediabilmente, la partita delle Elezioni in quelle due Regioni, a favore del Centro Destra, e forse l'intero Campionato, che si concluderà l'8 ed il 9 Giugno, con la vittoria alle Europee, della Squadra avversaria.

Un giocatore dunque che si è rivelato scorretto, e, che anche in Politica, spero sia destinatario di un bel cartellino rosso, magari con un consenso elettorale alle prossime Europee, inferiore alle attese, visto che oltretutto sui temi dell'Europeismo i 5 Stelle, da sempre sono considerati EURO-Scettici, mentre invece, ora più che mai c'è bisogno di più Europa.

Personalmente ritengo infatti che questi casi di attualità corruttiva abbiano fatto emergere, al di là di responsabilità personali, eventualmente accertate in un "giusto processo", che confermerebbe, anche oggi, l'esistenza di un certo malaffare, articolato per lo più nella Amministrazione Pubblica, con intrecci pericolosi fra mafia e politica, alcune evidenti verità :

  • finisce l'epoca della cosiddetta superiorità morale della Sinistra ( o di quel che rimane);

  • il populismo, la demagogia ed il giustizialismo alla fine non premiano, specie quando non si praticano sul campo le cosiddette virtù morali propalate solo a parole;

  • il Grillismo è stato, lo è, e lo sarà, un fenomeno deleterio per la crescita democratica di una Nazione, che deve essere basata sul senso di responsabilità della classe Dirigente e Politica, e l'operare per il bene comune. Fare gli agit prop, come han fatto i 5 Stelle ( e non solo) , approfittando della buona fede e del disagio sociale di molti cittadini, specie in alcune Regioni d'Italia, è una pratica politica che gli Italiani, forse ora un po' più maturi, si appresteranno a condannare, senza sé e senza ma. Illudere gli elettori, in questi anni, come ha fatto il Partito di Conte, con proposte assistenzialiste e fonti di ruberie e lassismo, come quelle sul Reddito di Cittadinanza e del Super bonus al 110 %, può valere per qualche stagione, ma certo non può rappresentare, per sempre la soluzione democratica, equa e responsabile, di una buona proposta Politica. Proposta Politica che deve invece saper coniugare i meriti con i bisogni, procedendo con riforme graduali, che diminuiscano nel tempo, il divario socio- economico, fra le varie classi sociali, offrendo, nel contempo, pari opportunità di successo a coloro che partono svantaggiati, vuoi per differenze di ceto sociale che per ambito di appartenenza territoriale. Io penso, dunque, che Conte, nel frangente attuale, abbia compiuto un clamoroso errore, che, seppure nel breve periodo, potrebbe portargli qualche consenso in più, nel lungo periodo si rivelerà un boomerang, perché come diceva uno dei nostri padri costituenti, Pietro Nenni, a chi gareggiava a fare il puro : " attento, perché sulla tua strada troverai sempre uno più puro di te, che alla fine ti epura". Anche la Schlein, che pur rappresentata indubbiamente una novità nel panorama Politico, ha però compiuto qualche errore : non si forma una alleanza senza un programma comune e senza che gli alleati ne condividano i contenuti, che evidentemente, nel loro caso son molto distanti, specie sui temi del lavoro e del ruolo dell'Europa, temi sui quali forse vanno cercate in futuro nuove alleanze , più omogenee, magari all'interno di quelle forze centriste e liberali oggi rappresentate da altri Leaders . Infine ritengo che, anche per i casi di attualità, la vera bussola, nel campo della giustizia, sia sempre il garantismo, praticato quotidianamente, anche a favore degli avversari, consapevoli che la divisione fra Poteri dello Stato, sia l'unica garanzia per poter applicare a tutti le regole Costituzionali, senza alcun privilegio o favoritismo verso il Potere esecutivo.

  • sebastiano arcoraci - 7 Aprile 2024 -




Comments


bottom of page