• sebastianoarcoraci

Se nn è in gioco il reddito di cittadinanza o quota 100 gli elettori stanno a casa.

Bhe, se un giorno, qualcuno mi avesse detto che alle Elezioni , per giunta Amministrative, si sarebbe recato alle urne solo il 49% , gli avrei risposto che era un disfattista ed un malato cronico di pessimismo.

Invece è successo.

Incredibile ma vero , direbbe un bravo prestigiatore.

E' successo che a Milano, Torino , Roma ed altre Città importanti , che di fatto hanno costituito anche un Test Nazionale, l' afflusso al voto è stato fra i più bassi della storia Repubblicana .

E dire che alle Amministrative gli elettori si recano di solito in gran numero visto che , almeno per la loro Città , i loro servizi, le politiche sociali , scolastiche, tributarie, sportive e culturali, il loro voto può fare la differenza, scegliendo programmi e uomini che agiscono per il bene comune, per gli " interessi dei cittadini " , per i loro interessi dunque.

E invece no.

Questa volta è andata diversamente. Molti analisti e politologi, in queste ore ci stanno spiegando che le ragioni vanno ricercate nei danni che il Covid ha provocato nella affezione alla partecipazione alla vita sociale di tutti noi e quindi..... .

Altri sostengono invece che è colpa della scarsa offerta politica che disincentiva al voto.

Eppure , io credo , al contrario che di offerta politica ce ne sia anche troppa.

Peraltro , questa volta si votava anche il lunedì e tempo ce n ' era per andare a votare.

Per giunta molte persone sono in crisi : chi in cassa integrazione, chi disoccupato , chi titolare del solo Reddito di Cittadinanza.

Questi tempo ne avevano, e forse conveniva anche a loro andare al seggio e scegliere i programmi e gli uomini migliori per governare le loro Città.

Certo per chi lavorava era più complicato, anche se bastava chiedere un permesso al datore di lavoro perché recarsi al voto è un dovere civico , ma anche un diritto del Cittadino.

E invece no , non è andata per niente cosi.

Come mai? Mi sono chiesto ieri , dopo averne appreso la notizia.

Credo che da tempo segnali di forte malessere e di allontanamento dalla politica ve ne siano stati, ed i Partiti esenti da colpe non lo sono.

La discesa in campo dei 5 stelle però aveva in parte riportato gli elettori belle urne , proprio su temi che direttamente ed egoisticamente interessavano molte persone. Forse che questa volta questi elttori non essendoci in ballo misure che li interessavano nel loro " particulare" non hanno ritenuto utile recarsi al seggio?

In parte , personalmente , ritengo di si.

Anche se credo, che per altro verso , questo Governo Draghi, composto da molti Tecnocrati, non stia certo aiutando la partecipazione democratica , per la semplice ragione che , se quasi tutte le Azioni Poltiche le assume il Governo, per meglio dire un solo uomo al comando, con poca incisività dei Partiti, è evidente che molti si sentano superflui, che la loro voce diventi silente, che addirittura pensino di non essere all' altezza di compiti così difficili e quindi, come dire , delegano completamente , come stanno facendo i Partiti, sbagliando naturalmente, ogni decisione al Governo ed al suo Reggente.
Diventa dunque effettivamente difficile condannare toutcourt i cittadini astensionisti sulla base di questi ragionamenti.
E purtuttavia io ritengo sia totalmente sbagliato lasciare in mano di altri le decisioni sul nostro destino , anche locale, perché troppo importante è partecipare alle scelte decisive per il nostro futuro e per i nostri figli, per il nostro habitat.
È vero , cari elettori , questa volta non c' era in ballo il Reddito di Cittadinanza o Quota 100, o gli 80 euro di Renzi, quindi in fondo, poco importava il Vs contributo elettorale, magari alle prossime Elezioni Politiche parteciperete di più.
Ma attenti, una volta prese le cattive abitudine poi sarà più difficile invertire la rotta.
Le abitudini , si sa, son difficili da cambiare.
Io lo spero naturalmente, ma non aspettate che in ballo ci siano solo argomenti particolari, partecipate in tanti sempre, anche quando gli interessi riguardano la generalità dei cittadini, perché se riguardano tutti , riguardano anche Voi.
Sebastiano Arcoraci