Pubblicazioni

Cronaca di un 

funerale in Sicilia

La terra sicula di Sebastiano Arcoraci è un concentrato di stupori, tremori, sapori, emozioni lattiginose, tentazioni adolescenziali, paure ataviche, spremiture emotive, circonlocuzioni verbali, sventagliate profumate di meraviglie cuciniere. Figli liminali tra la terra e il mare, i suoi ricordi si dipanano alla riscossa tra Milazzo, Bologna e Padova in un susseguirsi di commozione, eccitazione, trepidazione, momento e turbamento, un mix che dà il senso stilistico del suo scrivere veloce, inzuppato di quell’universo locale abitato da fimmine e masculi, il Milo e la Maria Tindara per intenderci, e tutti gli altri attori-spettatori, che vanno ad abitare e costruire, con il loro esistere, l’umano sentire. (dalla Prefazione di Federica Cappellato).

Cronaca di un funerale in sicilia.jpg
 

Omicidio

Massone

Narra la Vicenda di Nino, il protagonista, che dopo essersi trasferito al Nord, alla ricerca del suo posto nel mondo, finisce nelle fila di una confraternita scoprendone a poco a poco il potere Subdolo e Malefico.

Ma “non si diventa marinai restando in porto a sognare gli oceani. Deve pure arrivare il momento di tentare la navigazione”. Cosi ci prova anche Nino, inizialmente inconsapevole del rischio ma quando finalmente è vicino anch’ egli al successo, uno scherzo del destino lo porterà ad essere accusato ingiustamente e conseguentemente a subire la prematura uscita di scena.

Ma la vita, si sa, riserve le sue sorprese e qualche anno dopo gli si presenterà, in modo inaspettato, l’ occasione di pareggiare i conti. Nino non vuole farsi scappare la possibilità di riscatto, dimostrando tutto il suo spessore morale e intellettuale.

OMICIDIO MASSONE.jpg
 

Mafia

Light

Stirpe Isolana, giovani di belle speranze e mafia light

Ha come protagonista un “figlio di Sicilia”, Nino che pieno di belle speranze và a studiare al Nord con l'intento di diventare Medico e poi tornare , da laureato, nella sua amata terra.

In realtà gli episodi della vita lo porteranno a fare delle scelte diverse ed a consolidare la sua permanenza nel Nord caratterizzato in quegli anni da un forte  Sviluppo Economico e  un altrettanto notevole Progresso Sociale ,  vero e proprio motore dell'Italia.

All'improvviso però per uno strano disegno del destino , dalla Sicilia gli arriverà una proposta di lavoro molto interessante e allettante tanto da farlo decidere di tornare nella sua terra  insieme alla sua compagna di vita .

Accade però un fatto grave che minaccerà la sua esistenza e quella della sua intera famiglia  e  che lo farà precipitare  negli abissi della paura , costringendolo a  tornare precipitosamente  al  Nord , in luoghi più sicuri per la sua stessa incolumità.

Da sindacalista a giornalista dal forte impegno sociale cercherà di contribuire al riscatto morale della Sicilia.

Ruolo importante avranno in questa vicenda la sua famiglia ed il Capitano dei Carabinieri Rodolfo Macrì.

Nino racconterà,  in questo suo periodo trascorso nell'isola,  di una Sicilia bellissima , ricca di risorse,   popolata da gente  forte e leale , seppur martoriata e lacerata , oltre che avvelenata dal clima mafioso che aleggia invisibile in ogni suo anfratto , avviluppata su se stessa ma che troverà nel coraggio dei giovani il suo futuro, per ritornare ai fasti della storia gloriosa di un tempo.

Infine, con una nuova identità, ritornerà ancora forzatamente al Nord per una rinnovata stagione di vita che lo accompagnerà fino alla fine dei suoi anni non senza qualche rimpianto per la Sua Isola,  per quello che poteva essere e non era stato .

Era stata una vera sconfitta quella nell'isola o un atteggiamento di vera protervia intellettuale da parte di Nino?

In fondo chi era lui per aver pensato di  poter cambiare il millenario ed ordinario stato delle cose Siciliane? . 

MAFIA LIGHT.jpg
 

Testimone 

a latere

Libro passionale, narra le vicende storiche/politiche vissute per esperienza diretta in un ventennio circa dal protagonista Nino nella sua amata Padova, che considera ormai la sua Seconda Patria. Trasferitosi qui dalla Sicilia, con una valigia piena di speranze, attratto dal mondo frugale e vivace di una città del Nord est nel pieno sviluppo culturale, industriale, sociale, politico ed economico è alla ricerca di un personale riscatto sociale attraverso l' interesse vivissimo che da sempre nutre verso la sfera politica. Lo scrittore, sviluppando un analisi a tratti anche oggettiva e distaccata, riesce a raccontare con filo diretto i cambiamenti di una Padova sempre più bisognosa di risposte e di cambiamento, analizzandone i diversi attori sociali che si intersecano nelle vicende politiche ed economiche. A tratti invece è lo stesso Nino a descrivere, in prima persona, i sentimenti che vive, lo spirito con cui li affronta e lo stato d' animo che si porta dentro essendo lui stesso coinvolto nella sfera politica di quegli anni. E' una visione romantica quella di Nino, che guarda alle notevoli mutazioni di una Città in crescita con sentimento e speranza, vedendo Padova come il centro di tante energie e il suo Santo a fare da guida. Ma come spesso succede, la storia non va come immaginato e a mano a mano che passano gli anni, molti personaggi saranno esclusi dal palcoscenico ed usciranno di scena, lasciando spazio ad interrogativi politici e a molteplici conseguenti analisi. Ma seppur riconoscendo il finale, per certi versi amaro e lontano dagli ideali di correttezza e lealtà che Nino immaginava, è la speranza che ancora una volta torna a fare da padrona. " Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza", diceva Seneca. E questa è l' idea del protagonista: bisogna sperare nei Giovani, che con la loro capacità di innovare e la loro visione universale saranno ancora una volta capaci di unire e non solo dividere, di costruire ponti e non solo muri.

TESTIMONE A LATERE.jpg
 

Sud e Nord 

"Viralmente" uniti

Il protagonista , Sergio De Martino, una mattina si sveglia , in quella cittadina medievale, in cui vive da quaranta anni, per andare incontro ad una nuova giornata di lavoro, di routine quotidiana fatta di incontri, telefonate, relazioni , pausa caffè, pranzo e la sera finalmente cena e relax, come spesso faceva negli ultimi tempi, non immaginando, neppure minimamente, cosa gli sarebbe accaduto da li a poco , e cosa sarebbe accaduto nel mondo interoSuccederà che verso fine gennaio scoppierà una pandemia attraverso la proliferazione di un nuovo micidiale virus chiamato Covid 19.Da quel momento , lui stesso e altri milioni di persone , avranno le loro vite sconvolte.Anche lui, seppure in forma lievissima, andrà incontro alle conseguenze di questo terribile virus, che ne cambierà radicalmente il modo di vivere, le abitudini, le relazioni sociali ed economiche, attentando quotidianamente alla salute e sconvolgendo l’intero sistema sanitario, già di per sé molto fragile.Il racconto, un di instant book, metterà in risalto ,con l’aito dei suoi corrispondenti dal sud , Santino e Franco, la vita dei protagonisti : Sergio e Simona, Luca e Anna, Melissa ed Alessandro al nord, Vito e Rosaria , Salvatore e Giuseppina al sud, come il virus, incredibilmente, riesca ad unire le genti del sud e quelle del nord, a dispetto delle loro secolari divisioni, attraverso il filo rosso dell’amore .Le storie appassionanti dei vari protagonisti, convinceranno via via il lettore, che , ciononostante la terribile paura indotta da questa nuova pandemia, gli uomini e le donne dell’Italia intera, dimostrino, con inaspettato coraggio, di amare visceralmente la vita, (magari alzando l’asticella del rischio), e di non rinunciare mai, seppure in presenza del virus, ed anzi forse grazie a lui, alla passione, al desiderio e, ai loro progetti di vita.Il racconto, con sfumature ora di grigio ( malattia) ora di rosso ( passione) vuole esaltareancora una volta la vitalità e la bellezza di un popolo che non si arrende mai e che nonostante la tristezza, la disperazione, la paura della incombente morte, reagisce con tutte le proprie forze al malefico destino , cercando di volgere a suo favore anche gli elementi negativi che stanno caratterizzando ancora oggi la nostra quotidianità.

Sud e nord uniti viralmente.jpg