• sebastianoarcoraci

Vaccino o no?

E poi c è la questione del vaccino si o vaccino no?

A dire il vero , come accade spesso in Italia, anche sulla questione vaccini se ne è fatta una disputa politica.

Eppure la questione, fuori dalle logiche Guelfi contro Ghibellini , rossi contro neri, è molto semplice

Per combattere il virus del Covid 19, della famiglia Sars, che ha provocato una vera e propria pandemia , come non accadeva , da tanto tempo, almeno nei Paesi Occidentali , bisogna neutralizzato.

Per neutralizzarlo occorre inoculare nel settanta per cento della popolazione mondiale, almeno, un vaccino , anche per difendere tutta la popolazione raggiungendo la cosiddetta protezione di gregge.

Semplice.

Ed allora, se crediamo nella scienza, nella medicina, sull' onda dei principi

dell' illuminismo e della filosofia moderna, bisogna vaccinarsi.

D' d'altronde che sia Pfiffer, Astrazeneca, Moderna, Jhonson eJhonson o Sputnik, con tutti i rischi , minimi, che questi comportano, ( in particolare con Astrazeneca per le donne infra sessantenni) ai fini dell' obiettivo da raggiungere, è del tutto indifferente.

I no vax , se amano il loro prossimo , i loro figli i loro genitori , e gli amici , se ne facciano una ragione.

La gente comune, i cittadini, invece , che non hanno nessuna battaglia ideologica da combattere, si dimostrino cittadini attivi, anzi esempio e testimonial della scienza che fa progressi da gigante ogni giorno in campo medico.

Si vaccinino per loro stessi e per le intere loro comunità, per tutti gli uomini e donne del mondo. Anzi richiedano il Pass Green.

Si vaccinino come esercizio di un loro diritto , perché amano la libertà di muoversi , di viaggiare, andare al cinema, teatro, concerti.

Scelgano l' unica opzione possibile: la vita.

Sebastiano Arcoraci

8 Maggio 2021