top of page
  • Writer's picturesebastianoarcoraci

Padova Pianeta Anziani

Studi e statistiche aggiornate del Comune di Padova finalmente riproducono un quadro completo della situazione della popolazione anziana over 65 nella Città del Santo: 54.172





















































Su 200.000 abitanti ciò rappresenta ben il 27% della Popolazione.

Gli Over 74 sono invece 30.700 concentrati soprattutto nei quartieri Sud ( Guizza- S. Osvaldo- Camin - Forcellini- ), e ben 550 di questi anziani vivono in zona Forcellini.

Il quartiere ove risulta più alta la concentrazione della popolazione è il Quartiere n. 4 e, a seguire, il quartiere n. 3.

Il dato Padovano, pari al 27%, peraltro è molto più alto della media Europea che si attesta invece al 21% mentre la media Italiana è del 24,1% ( 14 milioni).

A parte la sorpresa che il dato più alto non si registri nel quartiere del centro storico, come invece io, erroneamente, credevo , è dunque evidente che le politiche per l'invecchiamento attivo di tale categoria acquista un valore significativo, sia sotto l'aspetto sociale e solidaristico, che dal punto di vista economico.

Infatti è solo con politiche di prevenzione che potranno essere risparmiati i costi necessari per le relative prestazioni sanitarie a favore delle persone anziane.

Maggiori risorse saranno messe in campo per l'invecchiamento attivo ( Palestre della Salute- Circoli Letterari- botteghe dei maestri artigiani- attività culturali e ricreative, Università della terza Età, etc..), e minori saranno i costi sanitari, creando un circolo virtuoso, che produrrà benefici sia per le famiglie, (che ne riceveranno benefici in termini di Care Giver, che per le comunità Locali in cui essi vivono, alle quali potranno continuare a dare il proprio contributo attivo, sia in termini di esperienza maturata negli anni, che nel campo del volontariato sociale , come forza aggiunta all'esercito di volontari, che in Italia, e, nel Nord Est, è già molto presente.

Un Paese che vuol definirsi civile ha a cura infatti le persone anziane, un tempo considerate i "saggi" della Comunità e custodi della " memoria collettiva".

Bene dunque han fatto sia il Tavolo Sociale del Comune di Padova, che quello coordinato dall'Uls Patavina, ad avere l'idea del Progetto Prisma , realizzato dal Comune, riservato innanzitutto alle persone anziane sole over 74.

E' giusto osservare però che occorre ancora più coraggio nelle scelte, realizzando iniziative di tal genere a favore di tutte le persone sole anziane, e non solo per la fascia che riferita agli over 74.

Bisogna dunque reperire altre risorse perché l'iniziativa non sia realizzata "a spot", ma divenga stabile e strutturata, e, a favore di tutti coloro, over 65, che purtroppo, per vari motivi, vivono una condizione di solitudine, soprattutto relazionale e sociale.

Le risorse vanno messe dunque a regime e concentrate in un unico fondo, senza frammentarle fra fondi delle Regioni, delle Province e dei Comuni, con iniziative singole e non coordinate.

Fondamentale sarebbe anche l'apporto che Enti ed Istituzioni private potrebbero dare in tale settore.

Fondazioni Bancarie, Assicurazioni , Enti e Società a partecipazione pubblica potrebbero destinare il 5% del proprio bilancio ad implementare tali iniziative, come peraltro i loro statuti già dispongono.

Occorre infine necessariamente un "controllo sociale" sulle scelte operate dalle Istituzioni Locali, attraverso il coinvolgimento in tali scelte delle Organizzazioni del Terzo Settore, quelle Sindacali di Categoria, delle Associazioni Benefiche, Associazioni dei Consumatori, Tribunale del Malato etc.. , prevedendo un loro "parere obbligatorio".

In tal senso appropriata e necessaria appare, a mio avviso, la figura del "Garante della Persona Anziana", soggetto qualificato e di esperienza, che tuteli e promuova presso i vari Enti competenti ( Regioni- Comuni- ULS) i diritti delle persone anziane, oggi previsti anche dalla Legge n. 33 del 2023 e dal relativo Decreto Attuativo del Consiglio dei Ministri del 26 Gennaio 2024.

Una Società infatti si evolve ove i diritti e i doveri di tutta la Comunità convergono verso obiettivi di maggiore equità e dignità per tutti i suoi Cittadini.

Sesbatiano Arcoraci


pd 16 Febbraio 2024

















Kommentare


bottom of page