• sebastianoarcoraci

Sicilia Amara, e amata

Mia amata Sicilia ti scrivo, ma nn x distrarmi un po, come diceva Lucio Dalla.

Cara Sicilia , sei la mia terra natia e ti amo da quando son nato dal tuo meraviglioso grembo, eppure torno ogni volta, nella mia terra adottiva, il Veneto, con il groppo in gola, con un senso di frustrazione , con una bocca amara.

Amara , amata Sicilia, sono davvero rimasto molto , molto amareggiato in questo mio ritorno Augusteo.

Quante volte mi sono chiesto se ti ho tradito andandomene a vent' anni , così come molti altri miei coetanei , in cerca di nuove mete, di riscatto sociale, di speranza in un mondo migliore.

Chissà , se fossimo rimasti lì , se anche io fossi rimasto lì, come saresti oggi ?.

Mi chiedo spesso , questa cosa , specie dopo questo mio ultimo ritorno a Te in questi giorni.

Poi mi do una risposta, forse troppo assolutoria, "è stato meglio cosi , in fondo io , umile giovane senza alcun potere né alto lignaggio sociale , cosa avrei potuto fare" ?

Cambiarti in meglio?

Aiutarti ad uscire dal tuo innato provincialismo , isolazionismo, perenne ed inoperoso piagnisteo , dal fenomeno mafioso , che sin da giovane ho inutilmente combattuto , che ammorba , ogni strato sociale, oggi ancor di più , nonostante il martirio di Peppino Impastato, il Generale Della Chiesa, Falcone , Borsellino e tanti altri servitori dello Stato , dall' accettazione pigra

dell' Assistenzialismo Pubblico?.

Forse , chi può dirlo , se io e molti figli tuoi, fossimo rimasti da te , tutto questo e altre nefandezze, sarebbero state superate positivamente . Purtroppo la prova del contrario nn c è e dunque sarebbe puro filosofeggiare parlarne ora.

Quel che è certo è che a distanza di quaranta anni, ti ritrovo ogni volta più brutta di prima, malgovernata da molti politici vili e insipienti, incupita, piagnona, assistenzialista e contro ogni regola di convivenza civile.

Ma il peggio è che di questo maggioritario mancato rispetto delle regole, te ne fai un vezzo, quasi un motivo di orgoglio .

Vedi cara amara Sicilia , Regione, insieme a Campania e Calabria, con più alto numero di percettori di Reddito di Cittadinanza, tu non puoi , per contro, non rispettare le più elementari regole di cittadinanza.

Non puoi percepire sussidi ed aiuti di Stato e poi non rispettare lo Stato. Non puoi continuare a consentire a molti tuoi cittadini percettori di RdC non solo di non cercare lavoro, magari , quello socialmente utile, ma anche di lavorare in nero aiutando così anche gli imprenditori disonesti , che nn solo non versano i contributi ai lavoratori fedigrafi ( che fregano i loro stessi compatrioti che nn troveranno lavoro) ma che potranno anche slealmente fare concorrenza a quegli Imprenditori che invece operano secondo le leggi , mettendo in regola i lavoratori e pagando le giuste tasse . Tu nn puoi consentire ancora oggi che esista una sanità di serie B , con strutture ospedalieri fatiscenti, senza adeguati posti letto e senza un adeguato numero di terapia intensiva , specie a fronte di una attuale pandemia mondiale , facendo scappare verso Nord i tuoi giovani medici e infermieri anziché predisporre i concorsi ed assumerli in loco . Tu Non puoi consentire che la Sicilia sia la Regione con più alto numero di non vaccinati per poi pagare l' oneroso prezzo di andare in fascia gialla o arancione per superamento di soglia dei ricoveri ospedalieri per Covid , oggi al 16% e con 85 decessi (un sesto di tutta Italia) , con nuovo record di contagi , (1776) cioè l' 8,46 %, mentre nel resto delle Regioni è al 3, 46%. Tutto ciò che comporterà evidenti ulteriori ricadute negative anche sul piano economico.

E no cari Siciliani , miei amati compatrioti, la maggioranza di Voi nn puo' rifiutarsi di vaccinare sostenendo tesi assurde e giustificazioni da bar ,senza alcuna base scientifica, deridendo i cittadini che lo fanno, sopratutto i cittadini del Nord , che spesso, invece le regole di cittadinanza , che lo Stato determina di volta in volta, le rispettano. Non potete credervi più furbi degli altri.

Non va bene , credetemi, la protervia e l' arroganza con cui, vantandovene, continuate a non vaccinarvi.

Lo Stato , che voi addirittura chiamate dittatore, potrebbe chiedervi, in particolare ai percettori di RdC o di altri sussidi pubblici , di vaccinarVi , pena la revoca dei sussidi stessi , che ahimé , spesso, sono usati, in maniera truffaldina , come ho meglio spiegato sopra.

Ecco perché ora sono tornato con l' amaro in bocca, nonostante i nostri cannoli siciliani, le granite caffè con panna, le cassatine e le paste di mandorla, il pistacchio di Bronte e la vista delle nostre ineguagliabili bellezze architettoniche e naturali , come i Teatri Greci di Taormina , di Tindari e di Siracusa, il barocco di Noto ed il Castello Arabo -Normanno di Milazzo , le splendide Isole Eolie , La tenuta dello Zingaro di San Vito lo Capo, i Templi di Agrigento , le architetture di Segesta e Selinunte, la Conca d' oro di Palermo, la baia di Mondello e la bella Città di Catania ed il suo elefantino , l' imponenza di Iddu ( l' Etna) e lo splendore di Marina di Ragusa e l'armonia dei Nebrodi e dei Peloritani con la meravigliosa macchia mediterranea.

Amata , Amara Sicilia mia , io però, ti ho amato, ti amo e ti amerò comunque , e un giorno vorrei tornare a te , per sempre.

Facciamo però che insieme, ascoltandoci reciprocamente, con stima e affetto, nei prossimi anni, a partire dai rappresentanti politici tutti , ci metteremo maggior impegno e dedizione perché Tu , mia bedda Sicilia, ricca di così tanta bellezza , possa davvero fare quel salto in alto, che solo se veramente alto , potrà collocarti nel giusto posto che meriteresti :

l' Olimpo Italico.

Con affetto , e con inestinguibile speranza ,

tuo

Sebastiano Arcoraci